Cosa significa l'espressione "Buy the dip"?

Nov 22, 2022

L'espressione "Buy the dip" (in italiano letteralmente Comprare il fondo) si riferisce all'acquisto di azioni quando un sottostante (titoli azionario o indice) è sceso di oltre una certa percentuale rispetto a un picco recente nella prospettiva di un’inversione del trend.

Quando il prezzo di titolo scende, può rappresentare un'opportunità per acquistare azioni a sconto e incrementare i guadagni futuri se e quando l'azione rimbalzerà ai suoi massimi precedenti.

Il Buy the dip è di solito una reazione ai movimenti di prezzo a breve termine e non è una strategia associata agli investimenti a lungo termine.

La dimensione del “dip” (calo) è importante?

È difficile definire una "dimensione della profondità" che sia universalmente applicabile. In genere, quanto più grande è il ribasso, tanto più si può guadagnare se il titolo torna ai livelli precedenti. Tuttavia, un titolo che...

Continua a leggere...

Il tramonto di FTX

Nov 15, 2022

FTX, il secondo exchange di criptovalute più grande al mondo, ha gettato il mercato delle cripto in un nuovo crollo.

Che cos'è FTX?

FTX è una borsa di criptovalute, gestita dagli Stati Uniti, che permette alle persone di comprare e vendere criptovalute. Le criptovalute si basano tutte sulla stessa struttura di base del loro asset principale, il bitcoin: una "blockchain" disponibile pubblicamente che registra la proprietà senza che vi sia un'autorità centrale a controllarla. FTX, insieme alla sua rivale Binance, elabora la maggior parte degli scambi di criptovalute in tutto il mondo.

Sia FTX che Binance sono borse "internazionali", l'equivalente in criptovalute di un casinò offshore. La maggior parte del capitale che passa attraverso i loro libri contabili è in effetti non vincolato da requisiti normativi.

FTX ha un token di criptovaluta chiamato FTT, che i trader utilizzano per operazioni come il pagamento delle commissioni di...

Continua a leggere...

Indice dei prezzi al consumo: come reagiranno i mercati?

Nov 10, 2022

L'indice dei prezzi al consumo (CPI), pubblicato mensilmente dal governo degli Stati Uniti, fornisce una misura della variazione dei prezzi per i consumatori negli Stati Uniti; tuttavia, è un indice utilizzato in quasi tutti i paesi. Il CPI viene utilizzato per determinare il tasso di crescita dei prezzi al consumo, meglio noto come inflazione.

Il CPI è la misura di inflazione piu comune, che riflette la diminuzione del potere d'acquisto dei consumatori in seguito all'aumento dei prezzi di beni e servizi. L'inflazione è più spesso riportata su un periodo di un anno, ma può anche essere presentata per periodi mensili o trimestrali.


Il grafico mostra il tasso di aumento dell'IPC degli USA negli ultimi 20 anni. Le due aree in grigio rappresentano la Grande Recessione iniziata nel 2008 e la piccola recessione che si è verificata nel 2020 a causa della pandemia.

Come viene calcolato?

Negli Stati Uniti, l'IPC viene calcolato utilizzando quasi...

Continua a leggere...

Mid-term election: come reagiranno i mercati?

Nov 08, 2022

Oggi è il grande giorno delle elezioni di midterm americane, milioni di americani andranno alle urne per le votazioni di metà mandato che si tengono dopo i primi due anni di Presidenza. Esse vengono considerate una sorta di referendum sul presidente in carica, ma a cosa servono esattamente?

I voti decideranno chi prenderà il controllo della camera e del Senato e chi saranno i governatori di 36 stati americani, questo potrebbe cambiare l'equilibrio di potere negli organi legislativi statali e federali, potrebbe anche influenzare la politica estera e prefigurare la corsa presidenziale del 2024.

Su cosa stanno puntando i repubblicani e come questo come può incidere sui mercati?

I democratici accusano i repubblicani di essere estremi mentre i repubblicani hanno descritto e accusato i democratici di non saper gestire inflazione e immigrazione.

  • La criminalità che è una questione chiave: molti americani pensano che ci sia un'ondata incredibile di...
Continua a leggere...

Quanto potrebbe ancora scendere l'S&P500 nel 2022?

Sep 22, 2022

Il 4 gennaio 2022 abbiamo raggiunto un nuovo massimo storico a 4.820 a cui è seguito un drawdown in cui ci troviamo ancora adesso.

Il drawdown ha raggiunto il picco (almeno finora) a -20,93% il 20 maggio 2022.

No alt text provided for this image

La discesa media in periodi di ribasso nel mercato azionario è pari a -45%, con la discesa peggiore (-83%) e più lunga verificatosi durante la Grande Depressione.

L'attuale discesa post-COVID Inflation è la meno grave del gruppo, ma potrebbe non essere ancora terminata.

Il rendimento del Treasury a 2 anni ha superato il 4,1% dopo il rialzo della Fed, il livello più alto dal 2007

No alt text provided for this image

La significativa inversione, con i tassi a breve termine più alti di quelli a lungo termine, indica il rischio sempre più concreto di una recessione.

Cosa dicono le grandi banche di Wall Street su dove finirà l' S&P500 nel 2022?

BofA ha confermato la sua opinione secondo cui I'S&P 500 chiuderà il 2022 a 3600, con un...

Continua a leggere...

Che cos’è una bolla speculativa?

Jul 26, 2022
Foto di Alexas_Fotos da Pixabay

Il termine "bolla", in un contesto economico-finanziario, si riferisce a una situazione in cui il prezzo di qualcosa - un singolo titolo o un intero settore o mercato - supera di molto il suo valore fondamentale. Poiché la domanda speculativa, piuttosto che il valore intrinseco, alimenta i prezzi gonfiati, la bolla alla fine scoppia e i grandi volumi di vendite causano un calo dei prezzi, spesso abbastanza drammatico. Nella maggior parte dei casi, infatti, una bolla speculativa è seguita da un crollo importante.

Negli Stati Uniti, lo scoppio della bolla dotcom nel 2000 e della bolla immobiliare nel 2008 hanno portato a gravi recessioni. Una caratteristica fondamentale delle bolle finanziarie è l’l'incredulità da parte di chi assiste quando si verifica l'impennata speculativa dei prezzi: solo dopo lo scoppio della bolla, vengono riconosciute (con grande dispiacere degli investitori).

Approfondimento

Una frenesia...

Continua a leggere...

6 titoli da considerare in un mercato ribassista

Jun 28, 2022

Il contesto finanziario globale ha generato volatilità nei mercati, eppure, con la giusta protezione e preparazione, gli investitori possono sempre trovare interessanti opportunità. Il futuro non sembra infatti mostrare ostacoli per questi sei titoli che hanno presentato una crescita positiva del free cash flow negli ultimi cinque anni e liquidità pari ad almeno il 5% del patrimonio totale.

I seguenti non sono da intendere come consigli finanziari, le passate performance non sono garanzia di risultati futuri e come ho spesso indicato in tantissimi altri articoli la strategia migliore per entrare nei singoli titoli è la married-put, in modo da essere assicurati nel caso in cui il titolo andasse dall’altra parte rispetto alle attese.

Ecco quindi, secondo alcuni analisti di Morningstar, 6 titoli da considerare in un mercato ribassista: 

  1. Alphabet Inc. (GOOG, GOOGL): Nel primo trimestre, Alphabet, uno dei titoli più redditizi del mercato, ha...
Continua a leggere...

Quando risaliranno i mercati?

Jun 23, 2022

Leggendo le news è facile trovare tutte le cose che non vanno, nell'economia e nel mondo, un po' più difficile trovare invece cosa potrebbe andare bene e cosa potrebbe cambiare le cose in un futuro magari nemmeno così lontano per il mercato azionario. Scopriamolo qui cosa potrebbe invece andare bene. 

Fine della guerra tra Russia e Ucraina

Una risoluzione della crisi ucraina provocherebbe, come minimo, un rally di sollievo. A lungo termine, contribuirebbe ad attenuare alcuni problemi della catena di approvvigionamento che hanno provocato un aumento dei prezzi dell'energia e dei prodotti alimentari. La storia ci insegna che i mercati storicamente hanno rialzi interessanti dopo i conflitti. 

Stabilizzazione dei tassi

La Federal Reserve sta aumentando aggressivamente i tassi di interesse per combattere l'inflazione. Se la combinazione di prezzi più alti e di costi di finanziamento più elevati si unisce a problemi di catena di...

Continua a leggere...

Investire conviene sempre: i rendimenti ai tempi della pandemia

Mar 24, 2022
Foto di nosheep da Pixabay

Da quando ha toccato il minimo il 20 marzo 2020, l'S&P 500 ha registrato un rendimento totale del 102%, compresi i dividendi reinvestiti. Ciò significa che un investimento di 1.000€ in un ETF che segue l'indice, oggi varrebbe circa 2.020€. In altre parole, avresti più che raddoppiato il capitale in soli due anni.

Allo stesso tempo, questi guadagni hanno visto il più veloce e più ripido declino del mercato ribassista nella storia, quando il mercato generale è caduto quasi del 34% nel giro di 33 giorni all'inizio della pandemia.

"Ne abbiamo passate tante come investitori in questo periodo, ma gli investitori meno esperti devono guardare indietro al 1929. Vedrete che il mercato nel tempo è generalmente salito"

dice Craig Ferrantino, presidente di Craig James Financial Services a Melville, New York.

 "Inoltre, avete qualcosa che gli investitori più anziani non hanno: il tempo. Il tempo...

Continua a leggere...

Nuove regole a Wall Street sulle vendite allo scoperto

Mar 02, 2022
Foto di Pete Linforth da Pixabay 

La U.S. Securities and Exchange Commission (SEC) ha annunciato il 25 febbraio 2022 di aver votato per proporre dei cambiamenti che aumenterebbero la disponibilità pubblica dei dati sulle vendite allo scoperto. Le nuove regole costringerebbero i venditori allo scoperto a divulgare più frequentemente le loro operazioni. Le modifiche proposte richiederebbero agli investitori istituzionali di raccogliere e inviare alla SEC determinati dati di vendita allo scoperto ogni mese.

Il presidente della SEC Gary Gensler ha affermato che le nuove regole si applicheranno agli investitori che detengono una posizione short di almeno $10 milioni o l'equivalente del 2,5% o più del totale delle azioni in circolazione.

Le regole proposte sono l'ultimo tentativo della SEC di amplificare la sua supervisione sulle vendite allo scoperto, che è stata accusata di aver causato oscillazioni selvagge dei prezzi in azioni come GameStop.

La...

Continua a leggere...
1 2 3
Close

50% Complete

Two Step

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.